Nel 1702 G.B. Pacichelli, in “Il Regno di Napoli in prospettiva”:

La fertilità del paese corre quas’aproverbio, unita alla perfettione delle grazie, abbondandovi il fromento, l’orgio, il vino, l’olio, i legumi, le mandorle, gli aranci, i coriandoli, il croco, i capperi, e si può dire tutto ciò che ricerca la necessità e il gusto humano…”

Download Freewww.bigtheme.net/joomla Joomla Templates Responsive